Koh Chang

Chang taglia le nuvole al tramonto e la nebbia si spegne dalle sue cime all’alba. Questo “Elephant Island” Isola Elefante di 430 chilometri quadrati ed è composta da  un arcipelago di 52 isole nell’estremo angolo orientale della Thailandia vicino a Cambogia. Esplorala e molto probabilmente troverai un paradiso adatto a te.

La seconda isola più grande della Thailandia dopo Phuket Koh Chang si trova a 330 chilometri a Sud-Est di Bangkok ea circa 80 chilometri a Ovest del confine Sud-Occidentale della Cambogia. Le sue montagne si trovano a circa sei chilometri dalla costa continentale della provincia di Trat.

 

La maggior parte dei visitatori opta per uno dei circa 300 posti disponibili sulla costa occidentale, la maggior parte dei quali vicino a una principale via di attrazione turistica che inizia a Haad Sai Khao e corre a sud per 20 chilometri attraverso Khlong Prao e Kai Bae, poi su un ripido tornante. passare e scendere a Lonely Beach, seguito da Ao Bailan e, infine, Ao Bang Bao nell’angolo Sud-Occidentale di Koh hhang. Khlong Son introduce un’atmosfera più locale sulla costa settentrionale e continua attraverso i villaggi sonnacchiosi della costa orientale, che ospitano tutti o due piccoli resort.

Koh Chang è grande e le colline creano un percorso a  traffico lento – non aspettatevi una facile crociera di 20 minuti, da Salak Phet a Khlong Prao o Haad Sai Khao a Lonely Beach. Mentre è a soli 57 chilometri da Long Beach nell’angolo Sud-Orientale di Koh Chang a Khlong Kloi nell’angolo Sud-Ovest, il viaggio di solito impiega più di due ore in moto.

Koh Chang è stato scoperto turisticamente  per la prima volta dagli avventurieri sacco in spalla negli anni ’80 e continuerai ad imbatterti in veterani che una volta dormivano sulle amache di Lonely Beach o sulle tende montate nei boschi di cocco dietro Khlong Prao. Arrivati per la prima volta negli anni ’90, i turisti Russi hanno fatto il preferito check-in a Haad Sai Khao (White Sand Beach), e sono rimasti al fianco di Europei indipendenti, Scandinavi e Anglofoni, oltre ad alcuni turisti Thailandesi che la amano nei fine settimana. Koh Chang ha considerevoli comunità permanenti, Khmer e Thailandesi, gli isolani nativi, ma anche molti di Isaan nella arida Thailandia Nord-Orientale. Prima degli anni ’80, Chang ospitava solo un piccolo numero di famiglie principalmente Cinesi-Thailandesi e Vietnamiti-Thailandesi che hanno allevato e pescato qui da generazioni.

La Thailandia Orientale subisce un influenza monsonica  da Giugno a Ottobre, quando frane di fango e mareggiate diventano le minacce principali a Koh Chang. I traghetti per auto viaggiano tutto l’anno e la stagione delle piogge vede un po ‘di sole tra le tempeste quasi quotidiane. In bassa stagione, la maggior parte dei resort riduce i tassi delle camere del 20-50%. L’alta stagione va da poco prima di Natale a Febbraio, mentre i mesi di Novembre, Marzo e Aprile portano meno turisti .

Intorno all’isola le ripide colline di Koh Chang dividono la costa in tre domini: il sud-ovest in stile zaino in spalla (Lonely Beach, Bailan, Bang Bao), la linea principale del turismo sulla costa occidentale (Kai Bae, Khlong Prao, Haad Sai Khao) e l’orientale da Khlong Son a Salak Phet.

Gli anni ’90 e ‘2000 una gran parte della costa Occidentale è  stata coperta da resort di grandi dimensioni e case alte a graticcio che ora nascondono la vista sul mare in molti posti. Ma Koh Chang non è la più accessibile delle grandi isole della Thailandia, e lo sviluppo non ha raggiunto la scala trovata in molte parti di Phuket e Samui. La sensazione generale di Koh Chang è più vicina a quella di Koh Pha Ngan e Koh Lanta-turistica ma senza aeroporto, un sacco di giungla e possibilità di esplorazione ed isolamento se lo si cerca.

Alcuni viaggiatori ritornano spesso, avendo trovato il loro particolare rifugio in baie, bar, terme, estuari, cascate, bungalow, stabilimenti balneari, corsi di yoga, villaggi di pescatori, siti di immersione, soggiorni in famiglia, ritiri hippie e a spiagge isolate.

L’isola è selvaggia, con la foresta pluviale che ricopre un interno protetto come parte del Parco Nazionale di Mu Ko Chang, stiamo parlando di miglia e miglia di giungla  con vegetazione di vecchia crescita. La cascata più alta di otto cascate, Khlong Neung, precipita a cascata su una scogliera alta 120 metri. La più alta delle numerose cime a forma di cono, Khao Salak Phet, raggiunge oltre 740 metri. Mongoose e zibetto vagano nella giungla tra cobra, cinghiali e il maestoso bucero. Gli escursionisti e gli appassionati di birdwatching troveranno l’opportunità di incontrare qui una favolosa fauna  tropicale in natura.

I paesaggi sottomarini al largo delle coste di Koh Chang, sono prese d’assalto dai  sub e gli amanti dello snorkeling dove trovano una vita marina molto attiva, compresi gli squali balena, al largo delle barriere coralline e isole come Koh Wai e Koh Rang. Se hai tempo, naviga verso Sud verso la seconda e la terza isola più grande dell’arcipelago di Chang: Koh Kut e Ko Maak. Entrambe meritano una visita.

Le spiagge di Koh Chang non sono come quelle di Koh Kut, ma hanno un caratteristico fascino. Haad Sai Khao è la spiaggia più sviluppata turisticamente. Khlong Prao attira le famiglie al centro della costa Occidentale, Kai Bae ha una scelta formidabile di cibo e bevande; La Lonely Beach ha un sacco di giovani zaino in spalla  festaiola e le vibrazioni reggae salgono da Khlong Kloi giù nel panoramico Ao Bang Bao. Tra le mangrovie e le barche da pesca sulla lontana costa Sud-Orientale, Ao Salak Phet e le sue spiagge remote meritano una visita.

Molto glorificata dai Thailandesi, la battaglia di Koh Chang dove una nave da guerra Thailandese spofrondo’ sul fondo della baia di Salak Phet a cui fece un passo avanti verso la vittoria della guerra Thai-Francese del 1941. Quattro decenni dopo, sulla costa orientale di Koh Chang si potevano osservare da lontano la potenza di fuoco che pioveva su una roccaforte dei Khmer rossi nelle vicine montagne della Cambogia Occidentale.

Alcuni sostengono che il nome dell’isola derivi dalla sua forma su una mappa che assomiglia a una testa di elefante. Un vecchio racconto di pescatori sostiene che provenisse da un elefante domestico ribelle ,gli animali non sono originari di Koh Chang, i cui tre bambini annegarono durante una lunga nuotata verso la terraferma. Come dice la leggenda, si sono trasformati in rocce al largo della costa nord che puoi ancora vedere oggi.

Fare la differenza

Ogni anno, centinaia di lavoratori a basso reddito vengono a lavorare a Koh Chang dalla Cambogia per lavorare e molti portano i loro figli. Vicino la strada principale di Khlong Prao, il Cambodian Kids Care Project gestisce una scuola finanziata dalle donazioni, Study Buddies, che offre educazioni che fanno una grande differenza nella vita di questi bambini. Sei il benvenuto a fermarti e donare: denaro, vestiti, giocattoli e materiale scolastico cio’ sara’ molto apprezzato e vi fara’sentire ancora piu felici durante il viaggio.

Le famiglie possono anche essere interessate a Sports Buddies, un interscambio culturale gestito dalla Svizzera e dalla Thailandia che fornisce un ambiente sicuro e divertente per i bambini di migranti per incontrarsi e giocare con i bambini di viaggiatori stranieri attraverso lo sport.

Nel dipartimento per gli animali, il Progetto animale Koh Chang con sede a Khlong Son si basa interamente sulle donazioni per fornire cure veterinarie a cani e gatti randagi. Veterinari, infermieri veterinari e tutti coloro che amano gli animali possono unirsi a una squadra di volontari in rotazione da più di una dozzina di paesi. Anche fare grandi cose è Happy Dogs Koh Chang, dove puoi donare, fare volontariato o adottare un adorabile cane salvato in un rifugio soprannominato “The Sanctuary of Hope”.